home titolo
chisiamochisiamoarchivioscriverepromuovereforummateriali


Ultimo numero
Archivio di Script

Articoli dello stesso autore








search



A proposito del Divo: intervista a Paolo Sorrentino
a cura di Nicola Lusuardia cura di Gino Ventriglia

Script: Hai dichiarato che da tempo volevi fare un film su Andreotti: come ti è nata l’idea del Divo?

Sorrentino: L’idea originaria ce l’ho da tantissimi anni: ma mi censuravo, mi chiedevo se me l’avrebbero fatto fare. Dopo L’amico di famiglia, che non è andato come speravo, ero un po’ demotivato e mi sono detto “ora ci provo”. Non avevo tutta questa voglia di fare un film tanto per fare un film, fa parte del mio carattere: quando prendo una batosta, alzo il tiro. E mi sono reso conto che il tiro l’avevo alzato, perché questo film nessuno lo voleva. Non tanto per ragioni di ordine politico, piuttosto perché c’era uno scetticismo di fondo. Mi sono sentito dire che Andreotti era un personaggio che non interessava nessuno, un personaggio trash perché faceva le pubblicità dei telefonini. Questo al netto di tutte le resistenze legate alla politica, al fatto che Andreotti è immediatamente sinonimo di guai, di pericolo. La paura è molto diffusa in Italia. Ora molti si affannano a dire che non bisogna gettare la croce addosso ad Andreotti, ma in privato tutti hanno una fortissima paura che sia veramente responsabile di alcuni misfatti e che veramente possa alzare il telefono e dire “toglietemi quello di torno”. Questo io lo percepivo quando andavo a chiedere le partecipazioni finanziare al film. Nessuno mi ha voluto dare i soldi, quasi nessuno.

Script: Be’, quindi ora sei la dimostrazione che Andreotti è buono: sei qui, parli con noi, sei stato premiato a Cannes…

Sorrentino: È ovvio che 15, 20 anni fa il film non l’avrei potuto fare. Forse ora Andreotti non è più così potente, non c’è più questa cappa. C’è da dire che, paradossalmente, Andreotti era più comodo al centro-sinistra, quando c’era il passato governo, perché il suo voto era determinante, che ora al centro- destra. Non vi racconto tutti i retroscena, ma c’era gente che mi diceva che ero matto, che avevamo un governo che era in mano ad Andreotti, che al Governo serviva il suo voto e magari questo voto avrebbe potuto non darlo a causa del film. C’erano resistenze anche da sinistra.

Scritp: Da dove nasce l’idea? E quando?





Articoli dello stesso autore

"Non si può essere un grande poeta bulgaro" [non disponibile]
Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia Gino Ventriglia - Script 5



mail inc