home titolo
chisiamochisiamoarchivioscriverepromuovereforummateriali


Ultimo numero
Archivio di Script

Articoli dello stesso autore








search



Writer-producer: un mito da sfatare
Claudio Biondi

Claudio Biondi,
produttore cinematografico e televisivo. Tra i suoi film Il ventre dell’architetto di Greenaway e per la Rai I misteri della giungla nera. Ha scritto Come si produce un film e Controllo e pianificazione della produzione audiovisiva per Dino Audino Editore.

Sullo scorso numero di Script alcuni amici hanno lanciato una sorta di nuova frontiera per gli sceneggiatori italiani sulla scorta di questa affermazione: negli Usa il fenomeno emergente nel mondo della produzione televisiva è quello dello scrittore che diventa producer del proprio lavoro.
Io, per una questione di metodo, mi fido poco se contemporaneamente non mi si dice anche su quali dati analitici l’affermazione è fondata. Da quell’aggettivo “emergente”, mi sarei aspettato una cosa del tipo: dal 1992 al 2002, gli scrittori di fiction televisiva che hanno assunto responsabilità produttive nelle fiction di cui sono autori sono passati da 425 unità del 1992 a 615 del 2002. Invece, nulla di tutto questo ho trovato.
Non basta individuare tra i titoli di una serie il nome di uno degli scrittori (il cui numero non è difficile si avvicini al centinaio) affiancato a diciture come associate producer o producer per scambiarlo con il produttore reale che è e resta – per legge e per forza di cose, come unanimamente riconosciuto – il soggetto che ha materialmente finanziato e organizzato la produzione. (Ferrara, 1985; Fragola, 1992; Assumma – Corasaniti, 1996, Rocca, 20031).
Negli Usa, l’associate producer è colui al quale si affidano particolari compiti nella ricerca di finanziamenti (ruolo spesso ricoperto dagli agenti che hanno contribuito a formare il pacchetto produttivo) o di supervisione di settori specializzati (effetti speciali, costruzioni meccaniche, ecc.) Il producer è l’incaricato dell’esecuzione realizzativa e l’executive producer è addirittura il responsabile della riuscita del progetto nei diretti confronti del CdA dello Studio o del network (Hines, 1999). Cioè, il top del top di una carriera che, se e quando parte dalla scrittura, conta i seguenti gradini:
– entry-level staff writer (come tradurlo, scrittore di primo livello?);
– story editor;
– executive story editor (revisore responsabile?);





Articoli dello stesso autore

Come creare le condizioni per produrre film di qualitĂ  [non disponibile]
Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi Claudio Biondi - Script 6



mail inc